Strategia di social media per Facebook, YouTube, Instagram & Co.

La filosofia di un’azienda, i valori che si portano dall’interno all’esterno, in parte per motivare le persone a partecipare, non sono solo parte della strategia dei dipendenti ma anche del marketing. L’identità della nostra azienda, della società o dei nostri prodotti è decisiva per l’effetto autentico del nostro marchio. Autentico, questo può significare molte cose, dalla promessa di qualità dei prodotti, ad esempio per le viti o altre costruzioni in acciaio, ma anche una promessa di sostenibilità, ad esempio quando si tratta di questioni ecologiche attuali. La filosofia dell’azienda rappresenta tutte queste caratteristiche e valori. Da dove veniamo e dove vogliamo andare?

Strategia dei social media: componenti e aspetti

Anche in una strategia di social media, la propria filosofia aziendale dovrebbe sempre giocare un ruolo quando i social media manager assumono la pianificazione. Soprattutto quando un esperto si dedica al tema del marketing nelle reti sociali, ogni misura dovrebbe essere ben pianificata. Ma non solo ogni singola misura, anche il filo conduttore, il lavoro complessivo deve essere coerente. La filosofia aziendale contiene vari componenti e aspetti. Una grande idea viene sempre dal team fondatore.

Tipp! Lesen Sie mehr über unsere Agentur:

Coloro che hanno iniziato con un’idea avevano idee concrete e di solito le realizzavano esattamente secondo i loro desideri. Dopo tutto, è il loro prodotto, la loro agenzia o la loro azienda, organizzata con amore e tempo. A seconda dei tratti caratteriali dei proprietari, varia anche la filosofia aziendale. Da un’azienda tranquilla e familiare, con personale e uffici piccoli e un po’ alla vita quotidiana dell’agenzia strettamente organizzata, tra pianificazione, organizzazione, implementazione e monitoraggio e analisi. Concetti diversi portano risultati diversi e anche personale diverso. Più grande diventa il numero dei dipendenti, più pesante diventa la loro voce, anche nella filosofia dell’azienda. Oggi guardiamo molto da vicino noi stessi, il nostro principio guida molto individuale e anche i nostri concorrenti e i punti chiave che ci distinguono da loro.

La nostra posizione sul mercato, i punti di forza dei nostri concorrenti ma anche le nostre conoscenze diventano un quadro individuale, un mosaico se volete, di cui è composto il nostro mercato. Meglio comprendiamo questo quadro, meglio possiamo valutare dove sono le nostre opportunità come azienda. Così, dopo aver valutato e categorizzato le nostre categorie di prodotti e i nostri prodotti individuali nell’ultimo articolo e averli così classificati per il marketing, veniamo ora all’azienda e alla concorrenza.

  • L’identità dell’azienda/dei prodotti è cruciale per l’impatto autentico del marchio
  • Concetti diversi portano risultati diversi
  • Più grande è il numero di impiegati, più importante è la loro voce nella filosofia dell’azienda.

Posizione di mercato: capire la concorrenza / Autovalutazione

Prima di tutto, dobbiamo sempre parlare di una valutazione approssimativa, in quale posizione di mercato ci vediamo al momento? Attraverso le statistiche, ma anche i diagrammi e le indagini nella nostra stessa azienda o attraverso le agenzie, possiamo scoprire dove si trova la nostra azienda. Come giovane azienda o start-up, è consigliabile dare un’occhiata ai grandi. Investono già grandi somme in strategie di marketing, anche per le reti sociali. Fondamentalmente, però, si tratta di una valutazione del mercato, quanto è alto il volume che può essere generato dalle vendite, qual è il gruppo target attuale e chi compra o consuma i nostri prodotti? In modo da poter poi confrontare perfettamente il gruppo target del nostro prodotto con il gruppo target sulla rispettiva rete sociale, più facilmente possiamo determinare le intersezioni. Quando si valuta la propria azienda, aiuta troppo non solo dare uno sguardo a se stessi, per esempio attraverso la filosofia dell’azienda e i valori che rappresenta, ma anche dare uno sguardo completo ai concorrenti.

Alla fine, la vostra azienda dovrebbe essere scritta in modo ben strutturato, preferibilmente in punti elenco.

  • Chi sono i nostri contatti, che aspetto ha il nostro gruppo target?
  • Dove sono i punti di forza della nostra azienda, in quale mercato operiamo e dove dovremmo andare con il nostro mondo di prodotti?

Non si tratta di una presentazione aziendale lunga una pagina ed estremamente precisa, ma di pensare con la propria testa. Cosa rappresenta la nostra azienda in questo momento e dove vogliamo essere in un certo periodo di tempo, con o senza social media marketing.

Dopo aver esaminato la propria azienda e le proprie idee, si dovrebbe sempre dare un’occhiata alla concorrenza. Come già descritto, soprattutto i grandi concorrenti investono grandi somme nei loro concetti di marketing, che si tratti del punto vendita, del marketing online o ancora più specificamente del social media marketing. Come progettate i vostri messaggi? A che ora pubblicate? Quali contenuti pubblicate?

  • Valutare la posizione di mercato dell’azienda
  • Non solo dare un’occhiata a te stesso, ma anche ai concorrenti

Concorrenza diretta: identificare le posizioni e le opportunità del mercato

Oltre al grande e ampio spettro di una concorrenza globale, c’è naturalmente anche la concorrenza diretta. Concorrenza che non offre prodotti simili ma esattamente gli stessi prodotti! Per esempio, se sei un rivenditore di cibo online e vendi cibo biologico, un secondo negozio di cibo biologico è chiaramente una concorrenza diretta. La start-up alimentare che produce barrette di muesli appartiene all’ampia cerchia dei concorrenti. Si può prendere una lezione da qui, l’imitazione, cioè il prendere idee da altri, dovrebbe essere fatto solo in grande concorrenza, ma si deve chiaramente distinguere dai concorrenti diretti e dai rivali. Quindi, se ti lasci ispirare da idee creative qui, corri rapidamente il rischio di postare esattamente lo stesso contenuto. Questo significa che non offrono alcun valore aggiunto rilevante e quindi non sono rilevanti per una certa percentuale di fan. Dovrebbero cercare di differenziarsi il più possibile dai loro concorrenti diretti. Per questo è anche importante distinguere tra la concorrenza globale, cioè nel mercato generale, e la concorrenza diretta, cioè i concorrenti specifici.

  • Non direttamente ispirato da idee creative
  • Distinguersi dai concorrenti diretti

Conoscenza specifica del mercato: Il nostro USP

Per la propria pianificazione dei social media, vale la pena portare con sé le proprie conoscenze di esperti. Naturalmente, questi sono abbastanza individuali in ogni singolo settore, per ogni prodotto e ogni azienda. In definitiva, però, hanno sempre certi argomenti che la loro agenzia, la vostra azienda o il vostro prodotto in particolare possono affrontare. Che si tratti di efficienza energetica o di un componente speciale, nel caso della moda forse di un’applicazione speciale. Con questi o diversi punti di vendita unici, puoi chiaramente distinguerti dalla concorrenza, specialmente nella concorrenza diretta. Naturalmente, ci sono molte auto e molti social media che si occupano di loro, ma il nostro marchio è sinonimo di efficienza in particolare. Questo è sufficiente per posizionarci in prima classe nelle notizie generali, come l’attuale dibattito sullo scandalo del diesel.

Ma non pensiamo solo ai nostri valori o alle nostre idee, naturalmente ci sono molte altre persone che hanno un interesse nella nostra azienda. Chiamiamo questo gruppo di persone stakeholder.

  • Conoscenza esperta di ogni singolo settore
  • I punti di vendita unici ti distinguono dalla concorrenza diretta

Stakeholder: Clienti, nuovi clienti, dipendenti, stampa e media

Il termine deriva in realtà dalla teoria economica, ma soprattutto nei social media, il legame sociale con altre persone gioca un ruolo importante. Possiamo sicuramente dividere queste persone in diversi gruppi, quindi abbiamo diversi contatti per i quali possiamo sviluppare strategie individuali. Per esempio, abbiamo un grande segmento di clienti privati, questo segmento di clienti privati fornisce in ultima analisi le vendite e la distribuzione dei nostri prodotti. Quindi nella nostra strategia di social media, sono in cima alla lista! Un altro gruppo di persone sono i dipendenti. Anche i dipendenti possono essere raccolti in vari modi, attraverso approfondimenti sul loro lavoro e quindi un po’ di fama per i dipendenti, fino a una campagna di formazione per le aziende di formazione. Un altro gruppo è spesso costituito dai media e dai rappresentanti della stampa.

I media e i rappresentanti della stampa forniscono anche una gran parte dell’attenzione e quindi della potenziale vendita di prodotti. Anche i rappresentanti dei media dovrebbero quindi essere considerati in una strategia di social media, e bisogna trovare dei modelli per affrontarli. Molti usano Twitter per questo lavoro, anche se naturalmente si può raggiungere la stampa altrettanto bene tramite Instagram o YouTube. Tutto dipende dalla giusta pianificazione.

Ci sono molti altri gruppi, tornando al nostro esempio nell’industria automobilistica, quando diventiamo efficienti dal punto di vista energetico, abbiamo anche una responsabilità nella sostenibilità, aspetti ecologici per il futuro. Anche qui, ci saranno persone che si sentiranno disturbate dai nostri prodotti o servizi, per esempio i residenti di una grande città, direttamente su una strada principale. Anche queste persone, i Kauder, devono essere prese in considerazione nella strategia dei social media.

Regioni centrali: Marketing per distretti, città e paesi

Mentre siamo in tema di responsabilità regionale, le regioni centrali in particolare giocano un ruolo importante nel concetto di social media. Si tratta della promozione in una regione, una o più città specifiche, un paese o un continente. Naturalmente, le strategie appropriate devono essere sviluppate anche per le diverse circostanze geografiche. Lo sviluppo della strategia non è solo importante per la costruzione organica, ma anche per la pubblicità e la portata a pagamento nelle reti sociali. Oggi, gli annunci possono essere distribuiti molto precisamente in base ai dati demografici. Per esempio, possiamo impostare un gruppo target su Facebook che corrisponde a donne tra i 30 e i 40 anni che vengono dalle immediate vicinanze di Berlino, fino a un massimo di 17 chilometri. È possibile essere ancora più precisi? Sì, certo! Facebook vede il suo capitale nelle pubblicità e nel lavoro con i dati dei nostri utenti. Per questo motivo il gestore della pubblicità può essere impostato in modo molto preciso; come azienda locale di Berlino-Kreuzberg, puoi anche inserire annunci che sono rivolti solo a persone di Berlino Kreuzberg. In questo modo avrete la vostra pubblicità in modo estremamente preciso a Berlino Mitte, con uno spreco minimo.

Non solo nella pubblicità, ma anche il contenuto dei loro annunci deve essere orientato alle condizioni regionali. Se vogliono ottenere un punto d’appoggio a Berlino, dovreste anche menzionarlo nei vostri testi. Le loro foto con la posizione saranno contrassegnate. Si dovrebbe anche guardare che il soprattutto con persone da Berlino segnare le foto con Like, commentare le immagini o video, garantire l’attenzione nella loro regione! Se vuoi lavorare a livello nazionale, è anche consigliabile andare nelle città più grandi. Il gruppo più grande di acquirenti si trova nelle grandi città. L’urbanizzazione della nostra società aumenta sempre di più, il famoso esodo rurale. Se ti concentri troppo sulle misure di marketing ad Amburgo, raggiungerai direttamente due milioni di persone. Se, in cambio, si cerca di fare pubblicità per tutta la Bassa Sassonia, ad eccezione di Hannover, lo sforzo è già notevolmente superiore. Anche qui si pone la domanda: si dovrebbe piuttosto diventare ad Hannover?

Il gruppo target è altrettanto grande, ma è molto più facile da raggiungere e sono facili da tenere nel giro della comunicazione. Se ci rivolgiamo a una persona di Hildesheim, la persona di Braunschweig non si sente più indirizzata. Pertanto, anche la regionalità dovrebbe trovare il suo posto nel vostro concetto.

  • Le regioni centrali giocano un ruolo importante nel concetto di social media

Filosofia: messaggio centrale del marketing e dell’azienda

Infine, torniamo alla filosofia, dopo aver pensato ai diversi gruppi di persone, alla regionalità ma anche alla concorrenza, diamo uno sguardo a noi, chi siamo? Come possiamo portare i nostri pensieri in questa competizione e in questo mercato, in modo da offrire un valore aggiunto per gli appassionati, concetti classici ma anche nuovi! Mentre nelle nostre considerazioni iniziali, la nostra azienda era ancora al 100% in primo piano, ora abbiamo familiarità con gli altri, quelli che esistono al di fuori del nostro mondo, blogger, altre agenzie, riviste, critici e molto altro. Guardando la concorrenza, ora possiamo scegliere i valori esatti che crediamo ci porteranno il maggior successo!

Ora possiamo formare il nostro messaggio principale sulla base delle ultime due considerazioni, sui prodotti e sulle categorie di prodotti, così come sulla concorrenza e sulla filosofia. Qui vorrei fare riferimento a uno dei fondatori e leggende di start-up della Germania, Carsten Maschmeyer, che una volta ha riassunto la vendita di prodotti in modo meraviglioso. In un messaggio centrale, semplice, chiaro e qualcosa di speciale. Mi piace trasmettere queste frasi perché alla fine riassumono un concetto di social media così complesso, composto da pianificazione, strategia, analisi e messaggio di marketing, in un semplice messaggio. Possiamo usare questo messaggio verso i nostri clienti, impiegati, manager, apprendisti, azionisti, partner regionali, politici e anche i media. Andiamo all’ultimo passo della prima considerazione di base, chi siamo? Fino a un certo punto!

Messaggio principale

Ci sono molti prodotti che… ma siamo gli unici che …

Ci sono studi che … / vogliamo convincere, quindi otteniamo dei testimoni – perché XY funziona?

Tipp! Lesen Sie mehr über unsere Agentur:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento