Agenzia di e-commerce: marketing, strategia, ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e Google Ads

Come funziona l’e-commerce? Oggi guardiamo da vicino i vantaggi ma anche i rischi del commercio elettronico. Come funzionano le attuali strategie di marketing nell’e-commerce? Dal set-up di base al marketing attraverso l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) alla pubblicità su Google (AdWords), al social media marketing ma anche ai social ads su Facebook, YouTube e Instagram ma anche al social SEO. Quali sono le tendenze del marketing online? Vi mostriamo le attuali strategie e misure di marketing dell’e-commerce!

Vantaggi + struttura dell’e-commerce: gestione dei contenuti

Il commercio digitale nei negozi online, con le sue possibilità estremamente varie e moderne, dai sistemi di gestione dei contenuti al marketing sui motori di ricerca ai fornitori di pagamenti che permettono trasferimenti bancari in tempo reale. Già con la scelta del sistema di gestione dei contenuti, il lavoro di un gestore di e-commerce inizia nel marketing attivo.

Più flessibile è la piattaforma, più possibilità ci sono. Diamo un’occhiata al mondo dei sistemi di gestione dei contenuti nell’e-commerce! Dove sono i maggiori vantaggi ma anche i maggiori rischi quando si usano certi sistemi ed estensioni nel commercio online? Come funzionano le strategie di e-commerce marketing e quali sono le nostre raccomandazioni come agenzia di e-commerce? Ecco i nostri consigli! Prima di tutto, la valutazione del rischio:

Vantaggi e rischi del trading online

Vantaggi nel commercio elettronico – Ci sono naturalmente molti vantaggi nel commercio online, ma vogliamo solo dare un breve sguardo ai vantaggi più importanti nel commercio elettronico. Prima di tutto, vale la pena menzionare il trading decentralizzato.

In primo luogo, non è necessario uno spazio costoso in un luogo frequentemente frequentato per attirare i clienti. Inoltre, i clienti possono essere raggiunti 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana con la propria gamma di prodotti. Inoltre, l’e-commerce offre un’eccellente opportunità di scalare.

In parole povere, si può saltare rapidamente da una città come Düsseldorf ad Amburgo o Berlino attraverso l’ottimizzazione dei motori di ricerca, per esempio. Non appena si hanno le prime richieste e i primi clienti, gli affari possono già iniziare. Anche in questo caso, non c’è bisogno di spazio aggiuntivo per il negozio o di dipendenti in una nuova sede. Si può ripiegare sulle risorse esistenti, ad esempio lo spazio di archiviazione, ma anche i dipendenti. Allo stesso tempo, questo porta l’ulteriore vantaggio di avere il proprio spazio pubblicitario diretto disponibile in modo rapido ed efficace per il lancio dei prodotti.

  1. Scalabilità dei prodotti e delle capacità
  2. Vendite decentralizzate, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana
  3. Nessuno spazio fisico e costoso al dettaglio, costi fissi inferiori
  4. Lancio diretto e veloce del prodotto

Rischi nell’e-commerce – Dalla nostra esperienza come agenzia di e-commerce, il rischio maggiore è quello di legarsi a un software meno flessibile per la gestione della propria merce.

Ci sono molti fornitori su internet che, per esempio, fanno pagare un canone mensile per il loro software, che costa rapidamente 500, 1.000 o anche 2.000 € al mese; in un anno, questo è già da 12.000 a 24.000 € per una soluzione poco flessibile.

Certo, l’importo è fattibile per le grandi aziende, ma ci sono molti altri svantaggi. Soprattutto, la mancanza di flessibilità per le estensioni. Eventuali estensioni del sistema devono essere pagate e acquistate a caro prezzo.

E-commerce: libero, flessibile, WordPress

Uno dei più grandi e popolari fornitori è, per esempio, WordPress in combinazione con WooCommerce.

Tuttavia, se si vuole iniziare con l’e-commerce, è necessario il giusto know-how nell’azienda, cioè un responsabile dell’e-commerce che si occupi dell’amministrazione del sistema. Si tratta di un know-how molto specializzato, perché l’e-commerce è diventato veramente grande solo da 10 o 12 anni. Ecco perché i metodi sono in continua evoluzione, le strategie si espandono e i concetti diventano più completi, così come i sistemi.

Basta pensare al diverso mix di marketing online per l’ottimizzazione dei motori di ricerca, il marketing nella pubblicità display, i funnel di e-mail e molto altro ancora. Più grande è la vostra azienda, più interessante diventa naturalmente un obiettivo per gli hacker. Di conseguenza, il sistema deve essere ben protetto, non solo per i dati dei vostri prodotti, ma naturalmente anche per le informazioni sensibili e personali dei vostri acquirenti, come i dati delle carte di credito.

Fornitori di software, gestione della merce e pagamenti

Le possibilità e le estensioni aumentano di giorno in giorno. Dal pagamento in tempo reale al bilanciamento automatico delle scorte, variazioni di prodotto e domini multilivello per negozi online che lavorano a livello internazionale, in più paesi e lingue.

Vuoi piazzare Google Ads? Come funziona effettivamente la pubblicità su Google? Soprattutto per il successivo lavoro con Google Ads, è importante avere un sistema molto ben strutturato e pulito. Se centinaia o migliaia di piccole campagne individuali vengono poi eseguite l’una contro l’altra nel test, i dati devono essere rapidamente disponibili, ordinatamente memorizzati e naturalmente anche mantenuti; keyword pagespeed per un buon posizionamento.

Dato che questo argomento è molto dettagliato, abbiamo scritto un articolo extra per te sul tema della pubblicità su Google con Google Ads, remarketing e molto altro!

  • Leggi tutto su Google Adsqui

Creare un negozio online

Vuoi far creare un nuovo negozio online o ricostruire completamente il tuo negozio esistente? Le agenzie di e-commerce si occupano di questo. Da soluzioni come WordPress in combinazione con Woocommerce, Shopware e altri fornitori di negozi online, che offrono ognuno funzioni e modifiche speciali.

Ci sono molti fattori che entrano nella scelta della giusta agenzia di e-commerce. Tuttavia, il fattore più importante è l’esperienza e i progetti di best practice, in modo da poter essere sicuri che l’agenzia abbia sufficiente competenza in termini di collaborazione, software, gestione, analisi, ottimizzazione e reporting.

Oltre ai progetti di buone pratiche, si tratta anche della dimensione dei negozi online esistenti. A seconda del sistema e del server, i negozi online con più di 1.000, 10.000 o anche centomila prodotti hanno bisogno di altre soluzioni su misura.

Oltre al numero di prodotti, si tratta anche del numero di visitatori. Ogni nuovo visitatore richiede capacità di server, che deve essere fornita. Più query avvengono in parallelo e allo stesso tempo, più velocemente il sistema viene utilizzato alla capacità. Il caso peggiore! Il crash del proprio sistema di e-commerce è il più grande rischio possibile. Dopo tutto, si perdono soldi ad ogni minuto. Se un server di questo tipo va giù alle 2 del mattino di sabato, per esempio, a volte un tecnico può impiegare molto tempo per riparare tutto. Di conseguenza, è anche importante controllare le capacità dell’agenzia di e-commerce. L’agenzia ha abbastanza personale e capacità? Non solo per la creazione, ma anche per queste situazioni di emergenza.

Suggerimenti per la ricerca di un’agenzia di e-commerce

  • L’agenzia di e-commerce ha bisogno di esperienza con progetti di clienti, casi di studio di best practice su progetti di media realizzati finora
  • Esperienza attraverso negozi precedenti in quantità (somministrazione di prodotti)
  • O complessità (fornitori di pagamento, email marketing, ottimizzazione dei motori di ricerca…)
  • Sufficiente capacità di personale e specialisti per la messa a punto e il supporto del sistema
  • Capacità del server e contatti di emergenza (guasto)
  • Analisi, ottimizzazione e reporting

Ottimizzazione dei motori di ricerca

Il tema del marketing sui motori di ricerca comprende non solo Google Ads, ma naturalmente anche l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Ma cos’è il SEO?

Le aziende SEO sono specializzate nella creazione di contenuti unici attraverso il content marketing. Questo contenuto è così informativo che viene classificato più in alto dall’algoritmo del motore di ricerca. Più individuale e migliore è il suo design, più alto è il suo livello. Il grande obiettivo nell’ottimizzazione dei motori di ricerca è quello di raggiungere il primo posto su Google e altri motori di ricerca, come Bing, Yahoo, Duck Duck Gogo o Startpage.

SEO, SEA e Annunci

  • Content marketing e ottimizzazione dei motori di ricerca – scrivere testiunici SEO
  • L’ottimizzazione dei motori di ricerca è un processo a lungo termine che di solito si costruisce in 12, 24 o 36 mesi
  • L’analisi dei motori di ricerca, o SEA in breve, guarda il comportamento degli utenti sul proprio sito web o nell’e-commerce.
  • Gli annunci sono posizionati per ottenere rapidamente una portata mirata

Stai cercando una buona azienda per l’ottimizzazione dei motori di ricerca del tuo e-commerce? Abbiamo molte raccomandazioni per voi, leggete di più qui nelle nostre migliori agenzie di motori di ricerca raccomandate in Germania.

Dopo che il setup del negozio è stato impostato, il software adatto è stato trovato, la struttura del motore di ricerca è stata ottimizzata, come si procede al marketing attivo!

Suggerimento! Vuoi saperne di più sul SEO? Guarda i video gratuiti + premium nella Lukinski SEO Masterclass e qui gratuitamente nel blog Social Media One.

Strategie e misure di marketing dell’e-commerce

Strategia di e-commerce – la commercializzazione dei prodotti è l’obiettivo centrale di qualsiasi strategia di marketing di e-commerce.

Per vendere prodotti online, è necessario costruire una portata mirata attraverso mezzi come la portata organica, ad esempio l’ottimizzazione dei motori di ricerca, o anche attraverso la portata a pagamento, ad esempio attraverso Google Ads. Naturalmente, ci sono molte altre strategie di marketing online, ad esempio il social media marketing, ma anche, abbastanza recentemente, l’influencer marketing. Quale metodo è veramente efficace e quale concetto vale la pena per la vostra azienda?

Diamo un’occhiata alle diverse strategie in dettaglio.

Strategie di marketing online: le tendenze diventano strumenti

In passato, il marketing mix era relativamente gestibile, ma le possibilità digitali stanno espandendo costantemente il marketing mix. Così, soprattutto nel marketing online, emergono costantemente nuove tendenze, che prima o poi diventano lo strumento tipico.

Le strategie differiscono a seconda che un obiettivo debba essere raggiunto a lungo o a breve termine. Nell’obiettivo a lungo termine, l’ottimizzazione dei motori di ricerca in particolare gioca un ruolo importante nel commercio elettronico. Le performance e le vendite a breve termine portano la portata a pagamento, per esempio attraverso Google Ads o gli annunci sociali.

Distinzione tra portata organica e a pagamento

Ma qual è la differenza tra la portata organica e quella a pagamento? Per espandere la portata organica attraverso l’ottimizzazione dei motori di ricerca, hai bisogno di content marketing e di conseguenza di articoli nuovi, informativi e ben strutturati su base regolare. Sono trasmessi ai motori di ricerca attraverso la cosiddetta sitemap. I motori di ricerca valutano poi le singole pagine in base all’algoritmo e le confrontano con le offerte precedenti dei vostri concorrenti.

Meglio il tuo content marketing è impostato e strutturato, più velocemente puoi diventare la concorrenza nel retail online.

Per battere i concorrenti esistenti, tuttavia, è necessario un certo numero di pagine. A seconda del settore, questo varia da 500 a 10.000 singole pagine e articoli – un sacco di lavoro! Di conseguenza, la preparazione richiede molto tempo, dopo tutto, non solo dovete creare la quantità del concorrente, ma anche consegnare di più per essere classificati meglio.

Concorrenza + x

Di conseguenza, sono necessari metodi che costruiscono la portata a breve termine. Il modo più efficace è attraverso la pubblicità. Attraverso vari metodi, questi sono giocati in modo estremamente preciso, per esempio ad un gruppo specifico di destinazione se si applicano determinati interessi e caratteristiche.

Remarketing nell’e-commerce: annunci ricorrenti

Gli annunci possono anche essere inviati ai visitatori che hanno già interagito con il tuo marchio o prodotto attraverso il cosiddetto remarketing. Per esempio, quando si visita un negozio online. Un utente guarda un certo prodotto, lo mette nel carrello, ma non completa il processo di vendita. Questi possono essere segmentati con precisione e mirati con il prodotto nella successiva campagna di remarketing. La volontà di comprare è di conseguenza molto più alta.

In breve, queste sono le strategie chiave del marketing e-commerce:

  • Campagne Google Ads e reporting
  • Annunci sociali su Facebook, YouTube e instagram
  • Ottimizzazione dei motori di ricerca per un alto posizionamento nei risultati di ricerca
  • Strategie per il referral marketing per i backlink
  • Campagna di Remarketing

Diamo un’occhiata più da vicino alle strategie di commerce marketing per la portata pagata. Raggiungere premendo un pulsante! Questo è esattamente il segreto della portata a pagamento attraverso Google Ads o gli annunci sociali su Facebook, Instagram o YouTube.

Campagne Google Ads (Adwords) e reporting

Vantaggi di Google Ads – Il più grande vantaggio di Google Ads è il momento dell’annuncio; immediatamente quando gli utenti hanno un bisogno o un desiderio concreto.

Mentre tutte le altre strategie di marketing mirano a far conoscere prima all’utente un prodotto, un annuncio di Google entra in gioco nel momento in cui un utente sta cercando attivamente un’informazione o un prodotto. Di conseguenza, non è necessario generare un nuovo interesse nell’utente! Lui o lei è già interessato all’informazione o al prodotto. La grande domanda è: su quale negozio online lui o lei cliccherà?

È proprio qui che entrano in gioco gli annunci su Google, perché attraverso di essi puoi arrivare direttamente e immediatamente nelle prime posizioni del motore di ricerca! Come avete già letto nel nostro articolo su Google Ads, ciò che conta di più è il rank 1 nel motore di ricerca.

Una grande percentuale di utenti, oltre il 90%, clicca sulla prima offerta

I singoli annunci sono chiamati campagne.

Quindi, se vuoi fare pubblicità su Google, hai bisogno di un’eccellente gestione della campagna. Perché ogni singola campagna viene testata in modo che gli annunci diventino sempre più efficaci. Ottimizzazione delle campagne di parole chiave. Proprio come Google Ads, anche gli annunci sociali su Facebook, Instagram e YouTube funzionano.

Sei interessato all’argomento Google Ads? Leggi di più sulla nostra agenzia Google Ads qui.

Annunci sociali su Facebook, YouTube e Instagram

Gli annunci sui social media funzionano strutturalmente e in linea di principio allo stesso modo della pubblicità su Google. La cosa più importante sono i gruppi target e la conoscenza dei loro interessi, le caratteristiche demografiche ma anche le connessioni, per esempio ai marchi. Più informazioni ci sono sul singolo utente, meglio si possono formare gruppi di utenti, i cosiddetti gruppi target nel marketing online.

Abbiamo descritto in dettaglio come funzionano queste pubblicità nei social network nel nostro articolo Facebook Ads. A causa della forte influenza americana, ci sono molti termini tecnici e abbreviazioni nel tema del sociale che bisogna conoscere. CPC, CPM, retargeting, remarketing, pixel, lookalike audience, customer audience e molti altri.

Struttura, esempio e migliore pratica

La cosa più importante, però, sono i gruppi target, che costituiscono la base per la pubblicità da fare. A seconda delle caratteristiche demografiche di un particolare utente, gli verrà servita una pubblicità.

Per esempio, gli interessi possono essere usati per determinare se una persona ha un legame stretto con un certo marchio sportivo, un tipo di sport o qualcosa di simile. I rivenditori di moda sportiva possono quindi rivolgersi a queste persone, ad esempio con prodotti per la nuova stagione. Diventa ancora più preciso nella campagna invernale, per esempio. Qui si filtrano specificamente le persone e i gruppi target che sono interessati allo sci, per esempio attraverso certi atleti, marchi o anche eventi, o seguendo le loro fan page o account. Così sappiamo che la persona XY ha un forte legame con gli sport invernali ed è quindi un eccellente gruppo target per la nuova moda invernale nella vendita al dettaglio di articoli sportivi.

Non solo per i marchi sportivi, il marketing regionale e stagionale è interessante per molte industrie.

Questo indirizzamento estremamente preciso di persone e gruppi target è ciò che rende i social ads così speciali per le aziende di e-commerce e, naturalmente, li rende anche indispensabili come strategia nel marketing online.

Diventa ancora più interessante con le cosiddette campagne di remarketing. Qui non ci si rivolge più ai nuovi utenti, ma agli utenti che si sono già impegnati con il vostro marchio, i vostri prodotti o il vostro servizio.

Campagne di Remarketing

Campagne di remarketing – Il punto forte di una campagna di remarketing è che non si rivolge più a persone nuove, ma a persone che hanno già interagito con il tuo marchio, prodotto o servizi.

Brevemente spiegato, questo potrebbe essere, per esempio, un utente che era interessato a una certa proprietà. Anche se questa persona non ha cliccato sulla pagina di contatto e quindi non ha preso contatto, ha mostrato interesse per l’immobile. Andando più a fondo, molte di queste persone possono ora essere utilizzate. Le persone che hanno trascorso una media di più di 60 secondi sulla proprietà e che sono state interessate ad essa per un periodo di tempo più lungo potrebbero anche essere potenziali acquirenti. Attraverso il remarketing, queste persone vengono nuovamente prese di mira, ad esempio attraverso un annuncio all’interno del loro mondo dei social media su Facebook, Instagram, YouTube o anche piattaforme come LinkedIn.

Le possibilità, da Google Ads a Social Media Ads, sono così estremamente diverse e naturalmente anche sfaccettate nei vari metodi e strategie che è sicuramente consigliato assumere un’agenzia esperta e rinomata.

Ti consigliamo e ti mostriamo come commercializzare al meglio il tuo e-commerce nei media digitali. Contattateci ora, aspettiamo la vostra chiamata o e-mail.

Agenzia di commercio elettronico

I compiti e i servizi di un’agenzia di e-commerce hanno un’ampia base, ma fondamentalmente formano sempre un unico grande obiettivo centrale: costruire la portata organica e a pagamento attraverso un’azione sistematica per ottenere più profitto. Con i metodi giusti nell’attuale mix di marketing online, si possono ottenere grandi successi e, soprattutto, si può portare avanti la scalabilità. Più visibilità, più portata, più attenzione per il tuo marchio, ma anche per i tuoi prodotti e naturalmente per il lancio di nuovi prodotti.

Consulenza, workshop e gestione

Consulenza strategica, supporto concettuale, design grafico, ma anche workshop per dipendenti, team e gestione operativa di marketing & community, tutto questo appartiene ai nostri compiti nel marketing e-commerce. Grazie alla nostra esperienza e competenza come agenzia di e-commerce, vi offriamo consigli di prima classe e strategie moderne per l’espansione delle vostre strutture di e-commerce.

Contatto e persone di contatto

Domande su consulenza, workshop, sviluppo di strategie? E mettiti subito in contatto con i nostri contatti!

  • Esperti di commercio elettronico: Contatto

Nuovo! Native Ads: raccomandazione invece di “pubblicità

Gli annunci nativi (chiamati anche annunci display nativi) si riferiscono a tutti i formati pubblicitari a pagamento che sono discretamente etichettati come annunci. La pubblicità nativa è semplicemente la pubblicità che non sembra pubblicità. Gli annunci nativi offrono piccoli svantaggi, ma soprattutto vantaggi. Lo sapevi già? Secondo un white paper di AppNexus, il CTR della pubblicità display nativa è in media 8,8 volte superiore. Secondo Forbes, l’intenzione di acquisto aumenta del 18% con gli annunci nativi. Inoltre misuriamo sempre un CTR più alto nei progetti dei nostri clienti. Con che cosa ha a che fare questo? Personalizzazione dei contenuti, storytelling e canali di comunicazione più discreti: referral marketing. Perché la pubblicità nativa? Cos’è la pubblicità nativa? Cos’è la pubblicità nativa?

Instagram Shopping: commercio sociale

Come social network, Instagram ha più di 1 miliardo di utenti attivi mensili. Questo rende Instagram la rete con il più alto coinvolgimento, anche davanti a Facebook stesso. Circa il 70% degli utenti di Instagram ha meno di 35 anni. Un target estremamente forte, anche in vista del futuro e dello sviluppo strategico del proprio marchio. I prodotti sono linkabili su Instagram da circa due anni. Ecco perché questa funzione è stata un suggerimento della nostra agenzia di e-commerce per un bel po’ di tempo.

Fino ad ora, bisognava creare un negozio su Facebook per questo. Di conseguenza, lo sforzo era troppo alto per molti, dopo tutto, il proprio negozio doveva essere collegato a Facebook per poi segnare i prodotti su Instagram. Ora tutto è molto più facile, molto più presente.

Jetzt neu! Lukinski SEO Masterclass

Tipp! 80% von meinem Wissen geben in vollkommen kostenlos weiter! Wenn du meine Arbeit unterstützen willst, folge meinem Youtube Kanal und lass ein, zwei Likes für die Videos da. Tipps und Tricks für dein SEO, auf Youtube. Du willst noch mehr? Komm in die neue: SEO Masterclass.

SEO auf Youtube: 80% kostenlos

Marketing, speziell Content-Marketing, ist so komplex, dass ich Anfang des Jahres angefangen habe, meine besten Mitarbeiter Workshops aufzuzeichnen. So können meine Mitarbeiter, für den besten Lernerfolg, jederzeit auf das Wissen zugreifen und Übungen im Online Kurs wiederholen. Mit der Masterclass stelle ich ein Großteil der Wissensdatenbank nun online – für dich. 80% von meinem Wissen geben in vollkommen kostenlos weiter auf meinem

Beispiel: Spinnennetz Struktur

Meine Mitarbeitern erkläre ich in Workshops inbesondere mein Prinzip der "Spinnennetz Struktur" und "Satelliten Seiten". Hier ein Beispiel aus der SEO Masterclass, Teil 3 Video 5:

SEO in der Marketing Masterclass

Mein Name ist Stefan M. Czaja. Ich habe mich Selfmade, quasi vom Tellerwäscher, ganz nach oben gearbeitet. Ich war auf der Hauptschule, habe eine Berufsausbildung absolviert (Kaufmann), habe dann das Fachabitur nachgeholt, habe das Studieren angefangen, das Studium wieder abgebrochen, Werbeagentur gegründet. Dann wollte ich alles auf eine Karte setzen. Seit fünf Jahren baue ich eigene Marken auf. Das Wissen, dass ich durch die hunderte Projekte gesammelt habe, gebe ich nun an meine Mitarbeiter weiter. In der Masterclass, kannst du genau dieselben Skills lernen!Du willst noch mehr? Komm in die:

Jetzt starten in der Masterclass

Tipp! 80% von meinem Wissen geben in vollkommen kostenlos weiter! Wenn du meine Arbeit unterstützen willst, folge meinem Unternehmer Kanal auf Youtube und lass ein, zwei Likes für die Videos da. Du willst noch mehr? Komm in die neue: