Agenzia Google AdWords: pubblicità, campagne e annunci – Search Engine Marketing

Oggi vogliamo iniziare con voi sull’argomento “Pubblicità su Google” o AdWords. CPC, CPM, AdWords, impressioni, clic,… molti termini tecnici! Oggi vogliamo spiegare Google Ads molto semplicemente, basandoci sulle domande più frequenti. Come funziona la pubblicità su Google? Come posso inserire annunci su Google? Cosa fa davvero Google AdWords? Come agenzia per Google sul tema specifico della pubblicità, dei gruppi target, del targeting e delle campagne di marketing, riceviamo molte domande ogni giorno. Abbiamo raccolto i più importanti e vorremmo rispondere qui per voi. Come funziona la pubblicità su Google, il search engine marketing (SEM), spiegato passo dopo passo.

Google AdWords per i negozi online

Google AdWords – Qui abbiamo suggerimenti importanti per una pubblicità di successo con Google AdWords e quindi allo stesso tempo più fatturato nel negozio online. Il marketing mix online sta diventando sempre più complesso. Per l’e-commerce, ci sono ora numerose opzioni per la pubblicità digitale. Dalla portata organica a quella a pagamento. Tuttavia, il più interessante per la maggior parte dei rivenditori online è Google AdWords! Oggi vi spiegheremo perché e come con l’aiuto delle domande più importanti che ci arrivano come agenzia Google AdWords.

Obiettivi degli annunci display

Gli obiettivi tipici per l’uso degli annunci display sono, per esempio:

  1. Aumentare la consapevolezza del prodotto
  2. Promuovere il marchio e la consapevolezza del marchio
  3. Aumentare il fatturato
  4. Generare più lead

Se avete domande più approfondite o progetti e preoccupazioni specifiche, aspettiamo la vostra chiamata o e-mail! Vi consigliamo: Contatto.

Come funziona la pubblicità su Google?

Il vantaggio centrale della pubblicità su Google è la raggiungibilità estremamente precisa dei gruppi target.

In poche parole, Google è una delle più grandi aziende quando si tratta di dati degli utenti. Non solo i dati, ma anche molte intuizioni possono essere ricavate da essi: Desideri, sogni, abitudini, probabilità.

Quali interessi hanno gli utenti? Cosa vogliono? Da dove vengono? Quale sito web visitano? Quali prodotti guardi nei negozi online? Quanto tempo passano su un particolare argomento, per esempio in un blog online? Che amici hanno sulle reti sociali? Quali gruppi ha dovuto seguire? Google può rispondere a tutte queste domande e, di conseguenza, agli utenti possono essere servite pubblicità estremamente precise.

Più precisamente vengono inviati questi annunci (definizione del gruppo target), meno budget deve essere speso per la pubblicità. Questo naturalmente abbassa i costi!

Gli annunci vengono poi visualizzati su vari siti web, blog e negozi online nella rete display. Non solo, le pubblicità vengono riprodotte anche nelle app, indipendentemente dal fatto che siano su dispositivi Android o iOS. Il termine tecnico per questo è la rete di visualizzazione.

Le agenzie che trattano esplicitamente il tema di Google Ads sono lì per definire i gruppi target, identificarli, creare campagne, testarli l’uno contro l’altro e ottenere il maggior successo possibile dagli annunci. Questo è il modo per raggiungere i vostri obiettivi di “consapevolezza del prodotto”, “consapevolezza del marchio”, “aumento delle vendite” e “più lead”.

Ottimizzazione della campagna

  1. CPC Bids (gestione delle offerte)
  2. Fattori di qualità
  3. Piscine di parole chiave
  4. Struttura del conto
  5. Impostazioni della campagna
  6. Conversione e landing page

Remarketing / retargeting dei visitatori

Ma c’è di meglio: il remarketing e il retargeting rendono facile per i rivenditori online raggiungere nuovamente i visitatori del loro sito web o negozio online. Coloro che non decidono di comprare direttamente, ma lasciano il carrello o anche solo la pagina del prodotto, saranno presentati nuovamente con il prodotto attraverso il remarketing. Un ingegnoso strumento di marketing!

L’utente non è quindi perso quando abbandona o lascia il negozio online. Lui o lei viene immediatamente e accuratamente registrato durante la visita e inserito in un gruppo target ulteriormente segmentato. In questo modo, si possono creare livelli individuali all’interno delle campagne, ad esempio persone che hanno visitato il tuo negozio online, messo un prodotto nel carrello, ma non l’hanno ordinato! Esattamente lo stesso prodotto, con foto e descrizione, viene ora visualizzato. All’interno del motore di ricerca ma anche nella Rete Display, se lo si desidera.

Il retargeting permette quindi di raggiungere in modo mirato e rinnovato un utente specifico o un gruppo di utenti con un prodotto specifico, indipendentemente dal fatto che sia fisico o digitale.

Raggiungere i gruppi target: minimizzare gli sprechi

Come appena descritto, tuttavia, si possono anche creare gruppi di riferimento specifici. Per esempio, le persone che hanno messo un prodotto nel carrello della spesa. Ma è anche possibile raggiungere gli utenti che hanno visto un certo prodotto. Allo stesso modo, gli utenti possono essere segmentati in base al tempo che passano sul sito. Quelli che sono stati sul negozio online per più di un minuto sono risparmiati extra, perché l’interesse era alto. Più precisi sono i gruppi target, più economici saranno alla fine gli annunci.

In base a questo, si possono creare annunci individuali e personalizzati. Questi si rivolgono alle persone in modo ancora più preciso attraverso il prodotto già conosciuto, il che aumenta la potenziale disponibilità all’acquisto. Questo è il grande segreto dei gruppi target dietro la pubblicità su Google.

A/B test e ottimizzazione del successo: personalizzazione della pubblicità

Il grande vantaggio del marketing digitale, specialmente con e su Google, sono le possibilità flessibili.

Questo include, per esempio, testare diverse pubblicità (i cosiddetti A/B test o split test). In passato, nella pubblicità classica, per esempio con i manifesti, i disegni venivano decisi in lunghi processi e infine stampati e affissi migliaia di volte – immutabili. Coloro che fanno pubblicità su Google possono adattare permanentemente i loro annunci, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. La personalizzazione è la grande parola magica. Più un annuncio è personalizzato, più vendite genera.

Le buone agenzie testano quindi costantemente diverse pubblicità l’una contro l’altra. Questi test differiscono, ad esempio, per la formulazione, l’impaginazione del testo, il tipo di parole, la lunghezza delle parole, … Tutte le forme e le varianti sono testate l’una contro l’altra per filtrare gli annunci più efficaci.

Il CPC è preso come cifra chiave. CPC significa costo per clic, cioè i costi sostenuti per un clic. A seconda della campagna, non si paga principalmente per le impressioni (quantità di annunci), ma per i clic effettivi.

Conversione: vendite, lead & Co.

Buona conversione, cattiva conversione? Nel marketing online, la conversione sta per un “affare” (vendita, newsletter, workshop, ecc.). Una vendita non deve sempre essere una vendita di un prodotto; una conversione può anche essere una registrazione per una newsletter o una registrazione per un webinar (video corso online gratuito). Le cifre chiave che vengono utilizzate per misurare il successo, come il CPC appena descritto, differiscono anche a seconda di questo.

Analisi e valutazione nel monitoraggio

L’analisi permanente di questi diversi test in esecuzione l’uno contro l’altro per verificare l’efficacia delle campagne individuali è ciò che rende gli annunci così efficienti dopo l’esecuzione iniziale dei test su Google.

Nel marketing online, questa forma di analisi porta possibilità completamente nuove e naturalmente anche dichiarazioni dettagliate su successi e fallimenti. Anche qui un piccolo paragone con le classiche campagne di affissione: le cifre chiave erano difficilmente verificabili qui! Con un annuncio su Google, si può anche vedere l’età degli acquirenti, e si ottengono anche informazioni sulle persone che non hanno comprato, come gli interessi, il luogo di residenza e molto altro.

In passato, un’analisi così dettagliata avrebbe richiesto un costoso istituto di ricerche di mercato, ma oggi le cifre sono disponibili gratuitamente!

A causa delle analisi costanti ed estremamente dettagliate, il monitoraggio alla fine del processo è naturalmente anche estremamente sofisticato, il che a sua volta permette un reporting breve ma significativo per il cliente.

Ottimizzazione della pubblicità

Migliore è l’organizzazione dei gruppi target iniziali, più preciso è il retargeting dei singoli prodotti, migliori sono i test, migliore è la conversione, migliore è l’analisi e il monitoraggio, migliori sono gli annunci! Le buone agenzie si assicurano che le cifre chiave siano sempre ottimali e che i vostri budget per i media siano utilizzati in modo efficiente.

Come posso inserire annunci su Google?

Come posso inserire annunci su Google? Naturalmente, Google, come una delle più grandi aziende del mondo, offre il proprio sistema per inserire annunci. In questo Google Ads Manager, che è sicuramente molto complesso per i principianti, si possono fare tutti i tipi di impostazioni e configurazioni.

Quali sono i vantaggi di Google Ads?

Qual è il vero vantaggio di Google AdWords? Questa è la domanda posta in molti dipartimenti di marketing, in molte aziende, da molti impiegati! Perché nel marketing mix online ci sono ormai numerose possibilità di promozione delle vendite. Dal contentmarketing all’influencer marketing, dal social media marketing alla pubblicità sui social media, all’inserimento di articoli in blog e riviste, all’ottimizzazione dei motori di ricerca, le possibilità sono così diverse.

Gli annunci di Google ti permettono di promuovere i tuoi prodotti e servizi online, ma quanto sono efficienti gli annunci su Google?

Come vedranno più tardi nell’esempio di best-practice del comportamento dei clic o della mappa di calore dei risultati del motore di ricerca, gran parte dei clic attivi e delle interazioni sono limitati alle prime posizioni in particolare. Questo è esattamente il luogo in cui si collocano le pubblicità come Google Ads. Per l’utente normale, è effettivamente riconoscibile che si tratta di una pubblicità, ma non gioca alcun ruolo per l’utente nella ricerca attiva. Di conseguenza, alla gente piace cliccare al primo posto, che si tratti di una pubblicità o meno.

Risultati rapidi, compra in fretta!

Così i Google Ads si inseriscono nella normale vita quotidiana delle persone, non sono un fastidioso pop-up, ma nella prima, rapida percezione una raccomandazione da un marchio rinomato, Google. Inoltre, la raccomandazione viene da Google, il più grande motore di ricerca del mondo, un marchio di cui i suoi utenti si fidano molto. Questa è la risposta alla domanda: come funziona la pubblicità su Google? Un algoritmo forte che soddisfa i bisogni e i desideri degli utenti, un marchio forte di cui ci si fida molto e il tipico comportamento di clic, risultati rapidi, poco confronto. Inserendo gli annunci, è possibile ottenere rapidamente la vostra azienda nelle prime posizioni.

Questo rende i buoni annunci un modello di grande successo nel marketing online!

Cos’è una campagna Google AdWords?

Le campagne Google AdWords mirano specificamente ai risultati di ricerca nel motore di ricerca di Google.

Il più grande motore di ricerca del mondo

Prima al più grande e ultimo vantaggio di Google come piattaforma pubblicitaria, la maggior parte di tutte le ricerche in questo mondo sono fatte attraverso Google.

In molti paesi del mondo, la parola “googling” è un termine tecnico per la ricerca di informazioni online. Miliardi di persone vogliono sapere ogni giorno qual è il miglior cibo per cani? Com’è il tempo a New York? Tendenze delle magliette da donna? Raccomandazione vacanza Italia? Avvocato divorzista? Le query di ricerca sono diverse come gli stessi utenti, Google filtra miliardi di pagine web e le ordina attraverso un algoritmo estremamente intelligente in un modo che ha permesso a Google di diventare una delle migliori aziende in questo mondo.

Ecco perché Google è così interessante come piattaforma per le aziende. Portata estremamente ampia, mirata a gruppi specifici di utenti, annunci personalizzati.

Le aziende che fanno pubblicità su Google usano AdWords. Il programma per le pubblicità su Google. Quelli che fanno pubblicità qui vengono visualizzati ai primi posti nel motore di ricerca.

Visualizzazione nei primi posti

I primi posti sono estremamente ambiti, non solo nei motori di ricerca ma anche nelle liste di raccomandazione. Non importa se si tratta di una rivista stampata nel settore del lifestyle e del vivere o di una pagina Instagram super digitale con molti seguaci. Il referral marketing è sempre un metodo potente per convincere le persone del tuo prodotto o servizio. Di conseguenza, un buon posizionamento e liste di raccomandazione valgono tanto anche nei motori di ricerca. Quello in alto è importante! Questo è esattamente il principio e il concetto di Google Adwords. Ora puoi vedere come il comportamento del clic sia estremamente concentrato sui primi posti nel comportamento del clic e nella heatmap.

Comportamento dei clic e heatmap

Se osservate il comportamento dei clic e il movimento degli occhi sulla homepage di Google, come facciamo qui nella nostra best practice, vedrete rapidamente che le prime posizioni del motore di ricerca in particolare hanno una frequenza molto alta. Una gran parte dei clic avviene proprio qui, nelle prime posizioni. Di conseguenza, questo elenco è prezioso.

Che ci crediate o no, riceviamo anche domande formulate molto semplicemente che alla fine contengono un nucleo interessante. Per esempio questo, “Cosa significa annuncio su Google Search? Infatti, le pubblicità su Google si differenziano in base a due fattori, da un lato le impressioni, cioè l’annuncio nei risultati di ricerca, e dall’altro i clic, cioè un’interazione attiva che porta al proprio sito web o negozio online.

Le impressioni esprimono quindi il numero di persone che hanno visto il vostro sito web o negozio online nei risultati di ricerca. Tuttavia, questo non porta ancora a un’azione o interazione attiva. Solo un clic fa sì che questo accada. Alla fine, il pagamento viene effettuato anche in base ai clic, e i costi e i prezzi vengono calcolati di conseguenza.

I costi sono sostenuti con ogni singolo clic. Più persone cliccano sull’annuncio, più il budget dei media viene speso. Alla fine, ciò che è decisivo nelle cifre chiave sono i click, quante persone sono andate al progetto online e quale interazione hanno effettuato dopo? Hanno guardato un certo prodotto? Un prodotto è stato forse inserito nel carrello della spesa? Il processo di acquisto era già stato attivato, ma poi annullato?

Siete già tornati all’argomento dell’ottimizzazione degli annunci intorno ai gruppi target e alla segmentazione dei gruppi target. Più precisamente vengono tracciate le azioni sul proprio sito web o nel negozio online, più accuratamente possono essere riprodotti gli annunci su Google in seguito.

Inconsciamente, molti nel marketing online penserebbero naturalmente subito che le diverse offerte sono confrontate dal visitatore – no! Infatti, di solito accettiamo la prima offerta. Chiunque lavori con una società di motori di ricerca, per esempio, sa quanto sia difficile arrivare al primo posto. Ma alla fine, è tutto ciò che conta! Perché quasi nessuno guarda la pagina 2 dei risultati di ricerca, il 90% rimane sulla pagina 1. Nemmeno una persona su dieci arriva a guardare la seconda pagina dei risultati di ricerca. Ben il 68% resta addirittura solo sulle prime 5 classifiche delle prime pagine.

Pagina 1 e Top 5 è tutto

Di conseguenza, c’è solo un obiettivo, il posizionamento nelle prime posizioni! Questo può essere ottenuto sia spendendo nell’area dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (a lungo termine) o si comprano risultati diretti (a breve termine) attraverso Google AdWords.

Cosa significa impressioni su Google?

Due cifre chiave sono particolarmente importanti se si ha a che fare più spesso con la pubblicità. Impressioni e clic. Qual è la differenza?

Fondamentalmente, l’intero evento si concentra anche sui risultati di ricerca, seguendo la query di ricerca di un utente. L’utente vede i risultati della ricerca, che di solito consistono in 10 raccomandazioni, ordinate nella classifica da 1 a 10, a pagina 2 si trovano poi altre raccomandazioni, dal posto 11 al 20 e così via.

Impressione e clic – la differenza

Impressioni: visualizzazione nei risultati di ricerca

Impressioni – Ogni volta che a un utente viene mostrato il tuo sito web o negozio online all’interno dei risultati di ricerca, è un’impressione. Questo significa che la tua azienda è stata visualizzata una volta.

Clic: rinvio e visita

Clicchi – I clic sono importanti, perché è solo attraverso il clic attivo che l’utente arriva sul tuo sito web o nel negozio online.

Nell’ambito di Google Ads, ma anche nell’ottimizzazione dei motori di ricerca, ci si concentra quindi in particolare su queste due figure chiave. Nell’ottimizzazione dei motori di ricerca, si aggiunge il ranking medio, perché qui si costruisce il traffico organico attraverso il content marketing. Suona bene, vero? Ma dov’è lo svantaggio? Il content marketing è sempre un progetto a lungo termine, ogni singola pagina deve essere scritta e nuovi articoli devono essere pubblicati costantemente.

Con Google Ads, puoi saltare questo lungo percorso e piazzare il tuo prodotto o servizio direttamente nei primi posti dei risultati di ricerca. Il grande obiettivo nell’ottimizzazione dei motori di ricerca diventa così raggiungibile in pochi minuti – questo è il grande vantaggio. Questo è ciò che rende Google Ads così popolare tra le aziende e un vero modello di successo nel marketing online.

Quanto costa fare pubblicità su Google?

Quanto costa un annuncio su Google? Costi e prezzi la domanda più interessante per molti che sono alla ricerca di una buona agenzia Google Ads, Quanto costa comunque una tale pubblicità? E quanto costa la pubblicità in confronto, per esempio su Facebook? C’è concorrenza non solo nel marketing online, ma anche nei media classici, per esempio la pubblicità televisiva. Nei progetti più grandi, ci sono anche domande come “Quanto costa uno spot del Super Bowl?” o su scala più piccola, “Quanto costa la pubblicità su ZDF, RTL, Pro7 e altri?

I diversi formati pubblicitari sono in concorrenza tra loro e alla fine si tratta di valutare e valutare i diversi canali. Quale canale pubblicitario promette il beneficio più efficace, la maggiore attenzione e il maggior numero di vendite?

La grande domanda per molti, quanto costa un annuncio su Google?

Calcolo del prezzo: spazio pubblicitario e concorrenza

Le tariffe pubblicitarie sono estremamente individuali, a seconda del settore in cui siete con la vostra azienda, chi volete raggiungere e quale concorrenza avete nel vostro campo particolare. Argomenti come finanza, vacanze, hotel, immobili …. sono gravati da un’alta densità di concorrenza. Di conseguenza, questo richiede concetti e strategie intelligenti per garantire la necessaria attenzione extra nel motore di ricerca e tra la concorrenza. Per darvi un’idea di quanto costa un annuncio su Google, vorremmo darvi una piccola panoramica di diverse aree e settori.

Qui puoi vedere il prezzo di clic per certe query di ricerca. Ma si vede anche la differenza nell’ortografia. Brevemente descritto: si prenotano spazi pubblicitari (parole chiave individuali) con Google AdWords. Meno spazi pubblicitari sono disponibili, più alto è il prezzo. Come si vede nell’esempio “comprare casa Berlino” rispetto a “comprare casa Berlino” – 50% di risparmio!!!

  • “Comprare casa Berlino” con 9.900 ricerche al mese è 1,10€ / click
  • “Comprare una casa a Berlino” con 1.000 ricerche al mese è 1,19€ / click
  • “Comprare casa a Berlino” con 720 ricerche al mese è solo 0,55€ / click

Se riesci a raggiungere 10.000 visitatori al mese, raggiungerai 120.000 visitatori all’anno. 120.000 clic che non devono essere finanziati dalla pubblicità a pagamento. Di conseguenza, l’ottimizzazione dei motori di ricerca paga estremamente a lungo termine.

  • 120.000 visitatori all’anno ad una media di 0,92€ / click = 110.400€ di valore equivalente

Un buon progetto SEO che attrae 120.000 visitatori in 5 anni raggiunge un totale di 600.000 persone, un equivalente di 552.000 €.

Risparmiare denaro a lungo termine con il SEO? Come funziona l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)

Suggerimento! Vuoi saperne di più sul SEO? Guarda i video gratuiti + premium nella Lukinski SEO Masterclass e qui gratuitamente nel blog Social Media One.

Chiaro vantaggio di Google Ads

Ma qui di nuovo si trova il più ovvio e più grande vantaggio di Google Ads in relazione alla pubblicità, come quella messa in TV o sui cartelloni. Gli utenti sono direttamente sull’offerta attraverso un clic. Ancora meglio, hanno effettuato attivamente un’interrogazione di ricerca loro stessi prima, quindi sono attualmente in una fase di interesse, bisogno e desiderio. Nel caso di un poster o di una pubblicità televisiva, questo interesse deve prima essere generato!

  • L’utente ha effettuato la ricerca in modo indipendente
  • Raccomandazione al momento dell’interesse attivo
  • Il desiderio di interesse non deve essere generato prima, come con i manifesti o la pubblicità televisiva, ma anche gran parte degli annunci sociali se non sono configurati bene

Cifre chiave: Confronto attraverso KPI

Ci sono così tanti modi diversi per raggiungere le persone! Ma come si fa a confrontare le diverse misure pubblicitarie tra loro?

Per le nuove campagne ma anche per intere nuove strategie, bisogna trovare il modo di informare la gente. Un classico del marketing! Le strade per Roma sono diverse, ma alla fine si tratta sempre di raggiungere le persone per attivarle e informarle. Dal messaggio del dipartimento di pubbliche relazioni al lancio del nuovo prodotto nel negozio online.

CPM: Costo per raggiungere 1.000 persone

Per permettere un confronto tra i diversi media, il “costo per mille” (CPM), cioè il costo per raggiungere 1.000 persone, viene utilizzato per la valutazione e il confronto.

Come iniziare una strategia di Google Ads?

Se decidi di gestire Google Ads o AdWords a livello professionale, hai bisogno di una buona strategia!

La strategia pubblicitaria viene elaborata insieme all’agenzia. Il primo passo è una breve discussione iniziale e la definizione degli obiettivi più importanti da parte loro. Il passo successivo è una sessione iniziale di brainstorming in cui l’agenzia dà un’occhiata più da vicino al tuo marchio. In un workshop successivo, vengono nominati gli obiettivi concreti e da questi vengono sviluppati i percorsi strategici.

Lo sviluppo strategico include per esempio la definizione delle priorità ma anche la categorizzazione dei prodotti. Dalla gestione aziendale classica, questo è noto, per esempio, dalla categorizzazione dei prodotti A, B e C. Da prodotti che costituiscono solo una piccola parte dell’assortimento, ma che meritano gran parte dell’attenzione, ad esempio perché servono come portatori di PR, così come un certo prodotto di una certa marca, come il famosissimo “Billy shelf” di una marca di mobili svedese. Alcune aree hanno una tale attenzione, ad esempio i nomi dei marchi, alcuni prodotti di marca o anche i bestseller.

Dopo aver identificato i prodotti più importanti, come si procede? Che tu abbia 1.000 o 2.000 link, una buona agenzia Google AdWords si assicurerà che tu abbia una presenza nel più grande motore di ricerca del mondo! Ogni singolo prodotto, ogni singolo link e ogni singola pagina è ottimizzata, sulla base di parole chiave, semantica ma anche attraverso elementi che attirano l’attenzione, ad esempio lettere maiuscole, frecce o sconti.

Più si approfondisce l’argomento, più complessi e ampi sono gli argomenti che devono essere presi in considerazione in AdWords per eseguire Google Ads. Dalla prima conversazione al workshop con l’agenzia alla strategia finita, l’impostazione della campagna, l’ottimizzazione e l’espansione, il monitoraggio e il reporting. Per garantire che la tua azienda sia sempre aggiornata e quindi all’avanguardia, lavorare con un’agenzia è la raccomandazione per una gestione professionale di Google Ads.

Agenzia Google Ads

Vuoi fare pubblicità su Google? Allora sei venuto nel posto giusto! Ti aiutiamo con la concezione, la strategia e l’implementazione dei tuoi annunci e campagne.

Consulenza, workshop e strategia

Con molte raccomandazioni ed esperienza, creiamo campagne per i nostri clienti. Non ci concentriamo sulla quantità, ma sulla qualità. La consulenza è quindi uno dei nostri capisaldi, così come lo sviluppo di documenti di strategia e, naturalmente, la successiva realizzazione di campagne per i nostri clienti. Dall’e-commerce attivo a livello nazionale ai sistemi internazionali e multilingue. Garantiamo prestazioni e risultati solidi.

Annunci, campagne e marketing sui motori di ricerca (SEM)

Facciamo annunci e campagne, analizziamo i risultati e li ottimizziamo affinché diventino sempre più efficienti.

Contatto e persone di contatto

Domande su consulenze, workshop, sviluppo di strategie? E mettiti subito in contatto con i nostri contatti:

Nuovo! Annunci nativi: Referral Marketing

Gli annunci nativi (chiamati anche annunci display nativi) si riferiscono a tutti i formati pubblicitari a pagamento che sono discretamente etichettati come annunci. La pubblicità nativa è semplicemente la pubblicità che non sembra pubblicità. Gli annunci nativi offrono piccoli svantaggi, ma soprattutto vantaggi. Lo sapevi già? Secondo un white paper di AppNexus, il CTR della pubblicità display nativa è in media 8,8 volte superiore. Secondo Forbes, l’intenzione di acquisto aumenta del 18% con gli annunci nativi. Inoltre misuriamo sempre un CTR più alto nei progetti dei nostri clienti. Con che cosa ha a che fare questo? Personalizzazione dei contenuti, storytelling e canali di comunicazione più discreti: referral marketing. Perché la pubblicità nativa? Cos’è la pubblicità nativa? Cos’è la pubblicità nativa?